www.snowfinch.it

Programma Snowfinch Italia

Raccolta delle osservazioni di Fringuello alpino (Montifringilla nivalis) in Italia

Di Eliseo Strinella

Le osservazioni vengono raccolte in collaborazione con EBN Italia

Il genere Montifringilla comprende uccelli tipicamente di alta montagna. Solo il Fringuello alpino Montifringilla nivalis è presente anche nel Paleartico Occidentale, le altre 6 specie sono presenti solo nel Paleartico orientale.

Il Fringuello alpino è una specie tipica delle alte quote, oltre il limite della vegetazione arborea (Cramp & Perrins 1994).

 

Il suo areale è molto ampio, dall'estremo limite orientale dell'Himalaja fino all'Europa occidentale (Pirenei); Mentre sull'Himalaja la distribuzione appare piuttosto omogenea, per la continuità ambientale dell'area, in Europa tutte le popolazioni (Pirenei, Alpi, Appennino e Balcani) appaiono ben isolate fra di loro e strettamente legate ai maggiori massicci montuosi (Holzinger 1993, Meschini & Frugis 1993).

 

Solitamente la specie nidifica a quote maggiori di 1800 metri s.l.m., mentre può compiere erratismi in periodo invernale a quote più basse, dovuti al clima (Cheylan 1973).

In Italia la specie è presente con due popolazioni ben separate, quella alpina e quella appenninica (Meschini & Frugis 1993); la maggiore successione ambientale presente nell'arco alpino consente una espansione più omogenea della specie, mentre nell'Appennino il Fringuello alpino è presente solitamente nel settore centrale abruzzese e marchigiano.

Sul territorio italiano la stima degli effettivi ammonta a 3.000-6.000 coppie (Meschini & Frugis, 1993), anche se non si conosce la tangibile consistenza delle due popolazioni.

 

Mentre le aree riproduttive sono piuttosto localizzate (anche se scarsamente indagate), poco o nulla si sa delle aree frequentate durante i movimenti erratici altitudinali, compiuti in periodo invernale a causa del clima.

Per acquisire le conoscenze sull'evoluzione dei spostamenti stagionali, la
Stazione Ornitologica d'Alta Quota di Campo Imperatore, con il Gruppo Snowfinch, già dal 2004 ha iniziato a registrare le osservazioni invernali di Fringuello alpino, segnalate principalmente sul massiccio del Gran Sasso e successivamente sull'intero Appennino.

Per ottenere una valutazione a più ampio spettro sui movimenti erratici altitudinali compiuti nel periodo invernale e soprattutto per meglio stabilire la distribuzione del Fringuello alpino sul territorio nazionale, è stata ampliata la raccolta delle osservazioni
su tutto il territorio italiano e per l'intero arco dell'anno, grazie alla collaborazione tra il gruppo Snowfinch ed EBN Italia.
 

Invitiamo gli ornitologi, escursionisti e appassionati, ad inviare le proprie osservazioni sul territorio nazionale.

 

Le osservazioni pervenute saranno pubblicate a nome dell'osservatore su un apposita pagina web del sito: snowfinch.it.

 

I dati inviati dovranno essere completi:

·         Località e quota di osservazione;

·         Numero di individui;

·         Condizioni climatiche;

·         Copertura nevosa (non solo in periodo invernale);

·         Status (se in riproduzione);

·         Presenza di anelli;

·         Eventuale materiale fotografico;

Le osservazioni ed il materiale fotografico potranno essere inviate a Eliseo Strinella   o sulla mailing-list di  EBN Italia dalla quale saranno raccolti i dati.

 

Osservazioni di Fringuello alpino sul territorio Nazionale

TCatena Alpina

TAppennino Settentrionale

31 dicembre 2008 - interessante osservazione di Fringuello alpino nell'Italia Meridionale

Segnalazione storica di Fringuello alpino a bassa quota nel Modenese